• Serrano Cramer posted an update 3 months, 1 week ago

    E’ molto intuito grazie alla rappresentazione delle mappe mentali. Io ne avvengono follemente innamorato costruiti in quanto permette delle fare keyword research con estrema facilità, monitorare i posizionamenti, scovare backlink necessari per i miei siti web. L’analisi delle parole chiave è la parte più importante di una strategia di internet marketing e richiede purtroppo un sacco di tempo. Il meta tag Keyword veniva utilizzato prodotti in passato per indicare ai motori di ricerca l’argomento del testo. Stiamo parlando ancora degli albori del web, quando gli algoritmi non erano che possono adempiere analisi approfondite dei contenuti.

    Seguendo l’esempio fatto sopra, quindi, il sito può usare l’URL pincopallino.it/ristorante-sul-mare. Vediamo quindi dove inserire le keyword nei contenuti per ottenere il massimo vantaggio SEO possibile. Durante la scrittura per il web, rendi più leggibili gli articoli del blog aggiungendo elenchi, facendo paragrafi brevi e prestando particolare attenzione alla formattazione del testo. In linea di massima non dimenticare che gli articoli del tuo blog stanno affrontando in dettaglio un argomento e così facendo i tuoi utenti torneranno per verificare se ci sono altri contenuti di valore. Il primo è uno studio condotto nel 2012 da serpIQ e l’altro è un post sul blog di buffer che spiega in dettaglio la lunghezza ideale del post per tutto ciò che è pubblicato online.

    Un basso volume di ricerca non vuol dire che una keyword sia da scartare. O che il numero indicato dal tool per fare keyword research sia il numero esatto di visitatori. Il primo concetto che devi capire quando si parla di keyword research è il volume di ricerca. Si tratta di ricerche di raffinamento, se correlate, che devono essere prese in considerazione specie sulle SERP più complicate e che non hanno un intento di ricerca chiaro, per avere quante più informazioni possibili riguardo un contenuto. Ubersuggest è un interessante tool di ricerca delle parole chiave gratuito, e nel corso del tempo, dopo l’acquisto da parte di Neil Patel, si è arricchito di funzionalità interessanti.

    • Una piattaforma trasparente nei costi e nei processi, accessibile a tutti in modo semplice senza alcuna necessità di mediazione.
    • Ma, soprattutto, qua diventa fondamentale lavorare con una buona keyword research per capire come ed dove inserire nel modo che parole chiave.
    • Durante la scrittura per il web, rendi più leggibili gli articoli del blog aggiungendo elenchi, facendo paragrafi brevi e prestando particolare attenzione alla formattazione del testo.
    • Sapere scegliere le keywords giuste ti permette di fare il primo passo per il raggiungimento del tuo obiettivo di posizionamento.

    Se invece cerco “sedie” mi restituisce un elenco di risultati che contengono sia negozi online che vendono sedie, sia negozi fisici di Rimini nei quali potrei recarmi per fare l’acquisto delle sedie che cerco. Se esteticamente potrebbe piacere agli utenti, gli spider di Google non riescono ad analizzarlo e questo penalizzerebbe il tuo sito. Un altro consiglio per evitare errori SEO, è quello di scrivere correttamente i markup.

    Limportanza Della Keyword Research

    Ma devo riconoscere che è importantissimo per scovare nuove parole chiave di nicchia. Una funzionalità interessante è la barra laterale destra chiamata “People also search for” poichè ti trova parole chiave non strettamente correlate con tanto di volume di ricerca a fianco. E’ un tool che mi ha fatto scoprire il mio collaboratore Stefano. Si installa come estensione nel browser (Chrome o e ti dice in tempo reale, direttamente su Google, l’ammontare del volume di ricerca di ogni singola parola chiave. E durante la fase di ricerca è altamente consigliato raggruppare le parole chiave con lo stesso intento di ricerca in un solamente insieme. Che anteriormente due parole decisivo come “depuratori acqua prezzi” o “purificatori acqua prezzi” erano scollegate tra loro.

    Evitare Contenuti Brevi E Panda Update

    La ricerca su Google, quindi, è una cosa che le persone fanno quando devono soddisfare un proprio bisogno, supplire ad una necessità o togliersi uno sfizio o una curiosità. In realtà, il termine parola chiave si riferisce al singolo lemma, mentre quelle che noi siamo abituati a chiamare keyword sono in realtà query di ricerca. La meta description è quella parte di testo che compare sotto il title nella pagina di ricerca di Google. Questo elemento è meno importante rispetto al title dal punto di vista della SEO ma di fatto è quello che attira gli utenti e li spinge a cliccare. In aggiunta a ciò, ricorda sempre di assicurarti che la parola chiave dominante appaia nel titolo dell’articolo, nella meta description e in tutte le altre posizioni di rilievo.
    dvmagic.net Così facendo rafforzerai l’ipotesi che Google capisca pienamente di che cosa stai parlando, evitando che magari preferisca altre parole chiave presenti nel tuo documento, ma non in linea rispetto a quanto avevi in mente di spingere in ottica SEO.

    Le Tratto Del Seo Copywriting

    Nel secondo caso rischi di incorrere nel fenomeno del keywords stuffing e nella penalizzazione. Il plug-in Yoast SEO, ad esempio, identifica una percentuale ideale di keyword density tra lo 0,5% e il 3%. La Keyword density è il numero di volte in cui la parola chiave compare nel tuo copy e aiuta Google a comprende il focus del tuo testo. In tal modo, quando l’utente digita la sua query, Google potrà corrispondergli il miglior esito di ricerca, quello che meglio si abbina a questa domanda e che più riesce a soddisfare la propria curiosità. Ora puoi scremare la lista che hai stilato, lasciandovi solo nel modo che keywords di reale e concreto interesse.

    Per essere persuasivo il Copywriting utilizza tutte nel modo che leve psicologiche a disposizione per persuadere e convincere li persone – some sort of tal proposito, Cialdini docet. Certamente è anche importante il quale la struttura del sito sia già predisposta per manifestare ancora più efficienti gli interventi testuali effettuati. Quando si considera il livello di diluizione che un dato sito può sopportare, occorre anche considerare di quante visite si ha realmente bisogno. Sul finire sarà solamente una percentuale parecchio ridotta di questi occhi a visitare effettivamente il web store, per questo devono esserci occhi ad alto valore aggiunto. Dunque scrivi i tesi per i tuoi lettori in stile che sia una lettura piacevole, utilizza anche sinonimi e scrivi le keyword a seconda ancora oggi necessità seguendo una singola giusta grammatica. Io ho la mia ipotesi, che è quella basata sull’equilibrio e il buon senso.

    Se decidi di pubblicare 3 articoli a settimana, assicurati di preparare almeno 6 post completi prima di iniziare la pubblicazione. Questo ti darà abbastanza tempo per recuperare in caso di contrattempi e di rispettare la tua pianificazione. Gli articoli lunghi ottengono più attenzione e commenti sui social media. Il contenuto breve, tra le altre cose, è tipicamente un contenuto di poche parole, tendenzialmente duplicato e non significativo.

    Quando scegli nel modo gna tue parole decisivo dovresti metterti nei panni dei tuoi potenziali clienti a causa di cercare di individuare quali termini potrebbero usare. Cerca i vari sinonimi relativi ai tuoi tesi e alla tua attività e ottimizza il tuo web store anche per quei termini oltre quale per le parole più specifiche. A seconda di quali sono i tuoi obiettivi scegli keyword composte da poche parole o keyword più lunghe. Ricordati che solitamente li parole chiave lunghe hanno un volume di ricerca parecchio basso, ma hanno anche un grado di concorrenza più basso, quindi scegliendole hai più opportunità di comparire intesta ai motori di ricerca.

CONTACT US

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Sending

©2021 KLEO Template a premium and multipurpose theme from Seventh Queen

or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account

Skip to toolbar